Autore - webm

Concerto per le missioni

Il Centro Missionario della Diocesi di Nardò Gallipoli organizza un concerto per l’11 ottobre in pieno Mese Missionario il cui ricavato sarà devoluto in parte alla Fondazione Missio e in parte a sostegno dei due progetti che il Centro sta curando in Uganda e in Benin.

Lo scopo della giornata è di fare formazione per essere responsabili.

Saranno coinvolti i bambini con un mostra fotografica e un pomeriggio di giochi e animazione sul tema delle missioni.

Alle 20:00 il concerto 🙂

immagini_mesemissionario_04

DAL PARAGUAY: UN INCONTRO INASPETTATO

¡Esta es la juventud del Papa!… ¡Esta es la juventud del Papa!…

Per tutta la mattinata dell’11 luglio avevo sentito scandire questa frase da tanti bambini, giovani, adulti e anziani che avevano atteso il passaggio di Papa Francesco per Ypacaraí (Paraguay). Era stato bello sentir gridare queste parole di entusiasmo da tutti, senza distinzione di età, come espressione sincera dell’emozione che tutti vivevamo in quel momento, per sentirci giovani e felici di appartenere alla Santa Madre Chiesa Gerarchica, come suole ripetere Papa Francesco. Il Papa è passato rapidamente per Ypacaraí, mentre si dirigeva al Santuario di Caacupé, ma ciò è bastato per portare gioia e letizia nei cuori degli ypacaraiensi, e anche nel mio.

Quella sera risuonavano ancora, dentro di me, queste parole di esultanza quando, nella sua bontà e delicatezza, il Nunzio Apostolico nel Paraguay, Mons. Eliseo Ariotti, ha telefonato a don Emilio Grasso per comunicargli che l’indomani il Santo Padre, prima del suo rientro a Roma, lo avrebbe salutato volentieri.

La gioia per questa bella notizia ha raggiunto l’apice quando ho saputo che avrei potuto salutare anch’io Papa Francesco, perché, svolgendo da anni la funzione di Segretaria del Centro Studi Redemptor hominis, l’invito era esteso anche a me.

Mentre attendevo di poter salutare personalmente Papa Francesco, l’emozione era enorme e mi chiedevo che cosa avrei potuto dirgli nel breve momento del nostro incontro.

Quando finalmente ho potuto avvicinarmi, l’ho ringraziato di cuore per la Sua visita che aveva dato la possibilità ai tanti fedeli del Paraguay di vederlo, di toccarlo e di ascoltarlo. Ho percepito, nel breve saluto che mi rivolgeva, tutta la semplicità, bontà e umiltà che emanava la persona del Santo Padre, il quale mi chiedeva di pregare per Lui.

Nella catechesi preparatoria alla cresima, che fa ogni domenica ai ragazzi di Ypacaraí, don Emilio aveva ben spiegato che Papa Francesco è Successore del Principe degli Apostoli e Sommo Pontefice della Chiesa Universale in quanto è Vescovo di Roma. Per tale motivo, negli striscioni di benvenuto appesi a Ypacaraí per accogliere il Santo Padre era stato scritto: “La Parroquia Sagrado Corazón de Jesús de Ypacaraí y la Comunidad Redemptor hominis saludan a Francisco, Obispo de Roma”.

La nostra Comunità ha un legame particolare con la diocesi di Roma. Innanzitutto, perché don Emilio, attorno al quale si è formata la Comunità, appartiene alla diocesi di Roma e da anni lavora in Paraguay come sacerdote fidei donum. È proprio a Roma che nacque, alla fine degli anni ’60, tra i poveri delle baracche che vivevano nella periferia della città, il primo nucleo di quella che poi sarebbe diventata la Comunità Redemptor hominis. L’amore alla Chiesa e la fedeltà di don Emilio ci hanno trasmesso una particolare devozione al Santo Padre, convincendoci profondamente dell’importanza del legame di tutte le Chiese sparse nel mondo con la Chiesa di Roma.

Abbiamo vissuto la presenza del Papa in Paraguay, dove operiamo da oltre trent’anni, come la visita del Vescovo della nostra amata Roma, oltre che del Successore di Pietro e del Vicario di Cristo. E Lui, con le sue parole chiare e profonde, ci ha incoraggiato a vivere in pienezza la fede in Gesù Cristo come una ricchezza offerta a tutti, affinché ogni persona possa vivere degnamente la sua esistenza su questa terra.

Ai tanti fedeli che avevano atteso il passaggio di Papa Francesco per Ypacaraí, don Emilio ha potuto trasmettere i saluti del Santo Padre e la Sua umile richiesta di pregare per Lui.

Ringraziamo di cuore la bontà e la sensibilità di Mons. Ariotti che ha saputo tener presente, in quei giorni impegnatissimi, anche la nostra piccola realtà che cerca, in questa terra sofferta del Paraguay, di trasmettere l’amore e la devozione al Vescovo di Roma, affinché questa Chiesa sia sempre più cattolica.

Maria Grazia Furlanetto

Il Papa riceve novemila chierichetti: «Siate missionari»

“Non chiudersi nel proprio isolamento, custodendo la fede «in un deposito sotterraneo nel quale ritirarci nei momenti difficili», ma andare verso il prossimo, «naturalmente missionari». E’ l’invito rivolto da Papa Francesco, nella sua prima udienza pubblica dopo la pausa di luglio, ai novemila chierichetti (ministranti) di venti paesi a Roma in questi giorni per il loro pellegrinaggio annuale.”